Il colore del suono

Ogni fenomeno può essere vissuto in due diverse maniere. Queste due maniere non sono arbitrarie, ma legate ai fenomeni– esse vengono derivate dalla natura dei fenomeni, da due loro proprietà: Esterno – Interno.
Vassilij Kandinsky

È evidente, più di altri artisti, come Kandinsky, nel suo lavoro, abbia attinto direttamente alla dottrina dei colori di Goethe ed è noto che, nel suo soggiorno berlinese, sia stato influenzato dal pensatore e fondatore dell’antroposofia Rudolf Steiner.
L’incontro approfondirà alcuni passaggi chiave del testo, forse meno conosciuto di Kandinsky, Punto Linea Superficie.
Nell’opera teorica del pittore russo ciò che emerge con forza è la una nuova modalità esperienziale e conoscitiva del fare pittura, quasi come fosse uno spartito musicale.
Da questa rinnovata modalità percettiva, e con sensi diversi, la chiave di lettura va individuata nel principio di una spiccata vita interiore, che porta sempre più Kandinsky alla definizione di una forma pittorica che supera la rappresentazione esteriore della realtà, o della superficie visibile, verso la scoperta di orizzonti compositivi (forma e colore) capaci di esibirsi con nuovi contenuti espressivi (spitituali), di risonanze interiori.
Tutto questo è l’inizio dell’astratto?
L’approfondimento ci permetterà di “osservare e ascoltare” le opere esposte con una nuova attenzione. Attraverso l’esercizio cercheremo di mettere in pratica l’invito dell’artista: vedere agire il colore.