ART BONUS

Donare fa bene

Marcel Mauss (Wikicommons)

La morte è l’artificio [della natura]
per avere più vita. (Goethe)

Il famoso antropologo Marcel Mauss sosteneva che il dono fosse uno dei motori sociali più efficaci nelle comunità umane, presente anche in quelle che superficialmente etichettiamo come “primitive”. Due sono le caratteristiche principali del dono: la libertà (come presupposto) e l’evoluzione (come conseguenza). Il dono è tale solo se libero, disinteressato, se non prevede alcun obbligo, neanche quello di ricambiare. Quando viene donato, il denaro perde la sua funzione principale, quella di rappresentare simbolicamente un valore di scambio, poiché viene meno la seconda parte del simbolo, il controvalore. In un certo senso, con il dono il denaro “muore”. Ma immediatamente “risorge” generando nuova e imprevedibile vita. Perciò il denaro di dono sarebbe la fonte più salutare per sostenere ricerca scientifica, formazione e attività culturali, forme dello spirito da cui – a ben guardare – tutto il resto discende.

Art Bonus è lo strumento che lo Stato Italiano si è dato dal 2014 per sostenere lo sviluppo della vita culturale, garantendo un credito d’imposta del 65% dell’importo donato, equo riconoscimento per chi promuove concretamente lo sviluppo civile e la coesione sociale. Da luglio 2023 anche la Fondazione Palazzo Magnani può ricevere erogazioni liberali per sostenere progetti che beneficiano dell’Art Bonus.

Si rivolge a:

Imprese Credito d’imposta nella misura del 65% dell’erogazione liberale, nel limite del 5 per mille dei ricavi dell’anno.
Persone fisiche Credito d’imposta nella misura del 65% dell’erogazione liberale, nei limiti del 15% del reddito imponibile dell’anno.
Enti non commerciali e società semplici Credito d’imposta nella misura del 65% dell’erogazione liberale, nei limiti del 15% del reddito imponibile dell’anno.

Non deduzione ma credito d’imposta.

Il credito d’imposta non concorre alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi.
È restituito ripartito in tre quote annuali di pari importo.
Esempio pratico Un’erogazione liberale alla Fondazione Palazzo Magnani pari a € 1.000 utilizzando l’Art Bonus comporta un credito d’imposta pari a € 650, restituito in tre quote annuali di pari importo.
Nessun limite Qualsiasi erogazione liberale di qualsiasi importo beneficia dei crediti d’imposta previsti dall’Art Bonus.
Per l’anno in corso il credito d’imposta è del 65%.

Visibilità

Chi effettuerà un’erogazione liberale Art Bonus vedrà il proprio nome pubblicato sul sito della Fondazione Palazzo Magnani e sul sito del MiBACT.

Sono Mecenati di Palazzo Magnani per il 2023:

  • COMET SPA :  15.000,00 €
  • SABART S.R.L. : 15.000,00 €
  • TECOMEC S.R.L. : 15.000,00 €
  • EMAK SPA : 15.000,00 €
  • LOVEMARK S.p.a. : 1.500,00 €
  • Azienda Speciale Farmacie Comunali Riunite : 180.000,00 €
  • 3C SALUTE – Impresa Sociale scs :  1.500,00 €

Qualche domanda?

Chiamaci allo 0522 444446

Grazie per il vostro sostegno!

Fondazione Palazzo Magnani © 2024 tutti i diritti riservati | P.IVA 02456050356
PRIVACY POLICY