Go to all Exhibitions

Il volto della follia

13 Nov 2005 - 12 Feb 2006

Cent’anni di immagini del dolore

La mostra dal titolo Il volto della follia. Cent’anni di immagini del dolore, allestita nelle due sedi di Palazzo Magnani e di Palazzo dei Principi di Correggio, presenta cinquecento immagini che documentano gli ambienti e la vita all’interno degli ospedali psichiatrici e il difficile processo di inserimento nella società degli ex-degenti Il percorso espositivo si divide in quattro sezioni. Nella prima, Memorie dalla ‘città dei matti, si trovano le foto scattate, tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, ai ricoverati nel San Lazzaro di Reggio Emilia (il grande manicomio alla periferia della città, che arrivò a ospitare più di 2.000 persone) e quelle che documentano la vita e gli ambienti di questa “città della follia”, precedute dalle iconografie fotografiche nei tre volumi de La Salpêtrière di Parigi (1876-1879), presenti nella Biblioteca dell’Istituto reggiano, e seguite dalle immagini che Vasco Ascolini ha scattato negli ultimi anni nei luoghi ormai vuoti e desolati di manicomi e istituzioni scientifiche italiani, intrisi delle memorie di una vita di sofferenza. All’interno di questa sezione, vengono infine proposti alcuni dipinti di grande formato – rielaborazioni pittoriche, su base fotografica, di volti di ricoverati al San Lazzaro – espressamente eseguiti per questa mostra da Giovanni Sesia. Nella seconda sezione, I manicomi svelati, s’incontrano le foto prese, dal 1965 in poi, all’interno di manicomi italiani, da Luciano D’Alessandro, Gianni Berengo Gardin, Carla Cerati, Ferdinando Scianna, Gian Butturini, Raymond Depardon, Uliano Lucas, che diedero un contributo fondamentale allo sviluppo della sensibilità sul problema dell’esclusione e delle condizioni di vita delle persone rinchiuse nei manicomi.

La terza sezione, Al di là delle mura, tra le persone, vede protagoniste le foto scattate dopo l’approvazione della Legge Basaglia (1978) e la chiusura dei manicomi italiani, che documentano i tentativi, spesso difficili, di dare risposte alternative al problema dello squilibrio psichico, con particolare attenzione ai volti delle persone che vivono questa situazione e ai luoghi, ormai abbandonati, degli ex-manicomi, alla ricerca di tracce di presenze umane, attraverso le foto di Uliano Lucas, Enzo Cei, Philippe Tournay, Roberto Salbitani, John Darwell, Giordano Morganti, Marco Fantini, Ilaria Turba. Qui si ritrovano anche le immagini scattate nell’ex-OPG (Ospedale Psichiatrico Giudiziario) di Reggio Emilia, ora di proprietà della Provincia, da Bruno Cattani, Marcello Grassi, Kai-Uwe Schulte-Bunert. Il percorso espositivo continua a Palazzo dei Principi di Correggio con la sezione Prigioni e rifugi, nelle terre del mondo, realizzata in collaborazione con Enrica Viganò, che presenta il lavoro di cinque fotografi (Chien-Chi Chang, Anders Petersen, Alex Majoli, Adam Broomberg e Oliver Chanarin, Claudio Edinger) che, negli ultimi quindici anni, hanno realizzato dei reportage in vari paesi (Brasile, Cuba, Grecia, Svezia, Taiwan) per documentare sia le condizioni disumane in cui tante persone sono ancora tenute che i tentativi di dare risposte “civili” al problema dello squilibrio psichico.

La mostra è promossa dalla Provincia di Reggio Emilia e dal Comune di Correggio, in collaborazione con il Centro di Documentazione di Storia della Psichiatria, con il sostegno di Fondazione Pietro Manodori, CCPL Reggio Emilia e Unieco.

Il volto della follia
Cent’anni di immagini del dolore
Skira, 2005
24×28 cm; 432 pagine
141 illustrazioni a colori
434 immagini in b/n

Diventa amico
  • Data: 13 Nov 2005 - 12 Feb 2006
  • Luogo:Palazzo Magnani, Palazzo dei Principi (Correggio)
  • Curatori:Sandro Parmiggiani

Fondazione Palazzo Magnani © 2020 tutti i diritti riservati | P.IVA 02456050356
PRIVACY POLICY